- Giro FVG - https://www.girofvg.com -

Turismo all’aria aperta: nel 2022 vicino ai livelli pre-pandemia

turismo all'aria aperta

Turismo all’aria aperta: nel 2022 vicino ai livelli pre-pandemia

Osservatorio Human Company – Thrends: nel 2022 il turismo all’aria aperta torna vicino ai livelli pre-pandemia.

Con una previsione tra i 45,4 e i 48 milioni di presenze, di cui circa il 54% di italiani, nonché una crescita rispetto ai volumi del 2021 che va dall’8% dello scenario migliore al 2% di quello peggiore, il turismo all’aria aperta si prepara a confermare il trend positivo registrato nel 2021 (+38% rispetto al 2020), consolidandosi sempre di più negli scenari turistici attuali.

Le previsioni

Segnali incoraggianti emergono dalle previsioni sul comparto nazionale della nuova edizione dell’Osservatorio del turismo outdoor a firma Human Company, in collaborazione con la società di consulenza Thrends. 

“Il contributo dell’Osservatorio mira a tracciare un quadro chiaro e approfondito del mondo del turismo outdoor in generale e dei viaggi en plein air in particolare per offrire gli strumenti strategici per lo sviluppo del business di un comparto in costante evoluzione.” Domenico Montano – direttore generale di Human Company

“La nostra stima per l’estate 2022 si basa sul modello delle previsioni effettuate nel 2021 che, a fronte del consuntivo, si sono rivelate fondate. Se non ci sarà una escalation nel conflitto in corso, sarà un’estate outdoor molto positiva, con un recupero quasi totale dei volumi pre-pandemici in termini di presenze (tra il -14% e il -18% rispetto al 2019 per tutto il settore camping e village) e un fatturato anche superiore. La propensione alla spesa pare in questo biennio 2021-2022 molto superiore al passato: si è formata nella domanda una sorta di consapevolezza/accettazione di tariffe superiori nei servizi turistici, dinamica che però apre le porte a maggiori aspettative e alla ricerca di esperienze più articolate e autentiche.” Giorgio Ribaudo – direttore di Thrends.

Le previsioni per il futuro

Partendo dall’attuale quadro macro-economico, influenzato dalla guerra in Ucraina in primis e complicato da un contesto pandemico ancora incerto, sebbene in via di normalizzazione, e utilizzando fonti Istat ed Eurostat per lo storico del comparto, l’Osservatorio 2022 ipotizza quindi due possibili scenari per il turismo open air.
Il primo è la risoluzione del conflitto entro il 15 maggio, con un incremento significativo del flusso di presenze da Germania, Austria e Svizzera e dai paesi centro-nord europei.
Il secondo scenario vede invece il perpetrarsi della guerra con conseguente aumento di instabilità, insicurezza e stato di allerta generalizzati.

Ti potrebbe interessare anche...  Tra castelli e ville d'epoca, atmosfere retrò con la pedalata vintage che abbraccia Collio e Brda

L’ipotesi migliore vede 48 milioni di presenze con una previsione di crescita rispetto all’anno scorso (+8%) e vicina ai risultati pre-Covid del 2019 (-14%), per una spesa complessiva generata pari a 2,55 miliardi di euro a fronte di un budget di 53 euro al giorno per ospite.
In questo scenario il mercato italiano si attesta sui 26 milioni di presenze nei camping e village, con una flessione solo del 5,2% rispetto ai risultati pre pandemia del 2019.
Un dato che si inserisce nel percorso di recupero e crescita: se nel 2021 era stato moderato (+0,5% in virtù del clima di poca fiducia allo spostamento tra maggio e giugno), nel 2022 la presenza degli italiani può aumentare di oltre 12 punti percentuali, recuperando la prima parte di stagione, stabilizzandosi nei picchi dell’estate e confermando un trend in crescita sul finire della stagione.

Nello scenario peggiore ipotizzato dal report, la stima di presenze si attesta a 45,4 milioni, segnando un sostanziale stallo rispetto ai livelli della scorsa estate (+2%) e con una flessione più marcata rispetto al 2019 (-18%) per un impatto economico pari a 2,41 miliardi di euro.
In questo caso è il mercato estero a frenare le presenze, mentre quello italiano si mantiene sostanzialmente stabile con 25 milioni (+8% rispetto al 2021 e stessa percentuale ma in flessione sul 2019).

Incoming fondamentale per dare impulso alla stagione

L’incoming, come detto, sarà insomma fondamentale per dare ulteriore impulso alla stagione.

Nella migliore previsione per l’estate 2022 il mercato estero vede un incremento di quasi l’8% rispetto al 2021, che lo porta ad attestarsi attorno ai 22 milioni di presenze.
Nello scenario più pessimistico per i mercati internazionali si stima un flusso turistico in linea con quanto fatto registrare nel 2021 (-0,4%) per un totale di circa 20 milioni di presenze.

Ti potrebbe interessare anche...  Calici di Stelle 2022: stelle cadenti e degustazioni di vini in Friuli Venezia Giulia

Per quanto riguarda la previsione dei pernottamenti generati dai top 5 mercati esteri (Germania, Austria, Svizzera, Paesi Bassi e Francia hanno rappresentato l’88% di tutte le presenze internazionali nel 2021).
L’ipotesi migliore stima un aumento generale nella prossima estate con una media di oltre il 9% di pernottamenti in più (pari a circa 19,5 milioni dai mercati esteri top 5) e volumi che tendono a tornare molto vicini al 2019 per i mercati Dach (range tra -4% e -5% dai paesi di lingua tedesca).
Paesi Bassi e Francia rimangono più distanti dall’ultimo anno pre Covid 2019 (rispettivamente a -31,8% e a -36,6%).
Il worst case presenta infine una situazione ferma alla scorsa stagione, che sostanzialmente conferma i volumi 2021 con circa 18 milioni di presenze (range tra +1,7% e -2% rispetto al 2021).

Fonte: travelquotidiano.com

CONTINUA A LEGGERE IN GIRO