- Giro FVG - https://www.girofvg.com -

Trekking lungo sulla Traversata Carnica dal Rifugio Calvi al Rifugio Marinelli tra storia, magia e natura

12 Settembre 2019a15 Settembre 2019

Finalmente ForEst ripropone nuove Esperienze di full immersion nella Natura più incontaminata delle nostre montagne attraverso trekking e cammini lunghi!
Per questo nuovo appuntamento ci inoltreremo lungo un tratto della Traversata Carnica, per esplorare le zone di confine tra Veneto e Austria da giovedì 12 a domenica 15 settembre 2019.
Percorreremo sentieri che si snodano sui fianchi delle montagne con le rocce più antiche della Regione, passando da verdi vallate alpine, catturando scintillii di laghetti di alta quota incastonati tra le rocce, per arrivare a dormire in confortevoli rifugi al cospetto di un cielo incastonato da milioni di stelle.

La ricerca di vasti spazi aperti, di visioni aeree, di luce intensa e abbagliante, di nuvole capricciose che si rincorrono sulle creste. Ma anche la ricerca di tempo per apprezzare il movimento, il cammino, la fatica, la meraviglia dell’ambiente circostante.

Da queste idee nasce il trekking di quattro giorni per ammirare la maestosità delle Alpi Carniche, al confine con l’Austria. Percorrendo i sentieri della Traversata Carnica, si dischiuderanno agli occhi i maestosi corpi rocciosi dei massicci del Peralba, dei Monti di Volaiae del Coglians, mostrando gemme scintillanti e rare, laghi di alta quota, residui della presenza di antichi e maestosi ghiacciai, incorniciati dalle rocce più antiche d’Europa.

INFORMAZIONI sul percorso

DIFFICOLTA’ complessiva: IMPEGNATIVO. Sentieri CAI della Traversata Carnica di montagna, in quota, con tratti in pendenza. Tappe di varia lunghezza, dislivelli anche impegnativi. Richiesto buon allenamento alla camminata in montagna.

GIORNO 1: Cima Sappada – Rifugio Calvi. In punta di piedi ci si inoltra nei domìni alpini, acclimatandosi gradualmente alla quota, alla leggera pendenza del percorso, all’attraversamento dei primi ambienti montani con i loro freschi boschi di conifere. L’ascesa graduale conduce poi al mondo di roccia e praterie di alta quota, che preannuncia l’arrivo al primo alloggio della traversata: il Rifugio Pierfortunato Calvi, a 2167 m di quota.
Dislivello: salita 900m

Ti potrebbe interessare anche...  #iorestoacasa: ARLeF, online molti nuovi cartoni animati in friulano per i più piccoli

GIORNO 2: Rifugio Calvi – Rifugio Lambertenghi.Come in ogni traversata alpina che si rispetti, la sveglia di buon’ora attende gli escursionisti per prepararsi alla tappa più lunga del cammino, fatta di lunghi saliscendi e di avvicendamenti di panorami mozzafiato.
L’inizio del percorso lascerà alle spalle i regni della roccia per condurre in discesa verso le verdi radure che circondano le sorgenti di Fleons.
Non tarderà molto a farsi viva di nuovo una graduale ascesa che porterà al cospetto dell’antico massiccio di Volaia. Il nome del Passo Giramondoche si attraverserà identifica tutta la meraviglia della visuale che si estenderà di fronte agli occhi.
La mirabolante discesa nella conca superiore di Volaia annuncia poi l’avvicinamento alla meta, con l’ultima breve ascesa che porterà i camminatori alla scintillante visuale del Lago di Volaia, fino ad arrivare finalmente a riposare le stanche membra nell’accogliente Rifugio Lambertenghi(1955 m) dove Giulia e i suoi amici accolgono i viandanti con calore.
Dislivello: salita 1100m – discesa 1000m. Lunghezza: 17 km

GIORNO 3: Rifugio Lambertenghi – Rifugio Marinelli. In mattinata lasceremo il Lago di Volaia e intraprenderemo la lunga discesa verso il fondovalle per aggirare i costoni di Cima Lastrons del Lago(l’itinerario NON segue il sentiero Spinotti).
Raggiungeremo quindi il Rifugio Tolazzi, dal quale, dopo una sosta rifocillante, ripartiremo per affrontare la salita pomeridiana.
Su agile carrareccia ci inerpicheremo per la valle del Rio Morareto per raggiungere l’agognata sella tra il Pic Chiadin e il Monte Floriz, su cui si adagia la nostra ultima meta, l’ultimo rifugio di quota: il Rifugio Marinelli.
Possibile qualche breve escursione nei dintorni in attesa dell’ora di cena.
Dislivello: in discesa 600m – in salita 800m

Ti potrebbe interessare anche...  Udine, emersi nuovi reperti archeologici

GIORNO 4: Rifugio Marinelli – Passo di Monte Croce Carnico. L’abbandono degli ambienti di alta quota sarà addolcito dalla maestosità e dalla bellezza dei luoghi attraversati. Grandi campi rocciosi, solcati da segni e tracce di antichi modellatori del passato, raccontano la storia di ere geologiche e movimenti di ghiacci.
Attraverseremo la magnifica conca dei Monumenz, dove la parola non mente: monumenti scolpiti dalla mano della natura si ergono a testimonianza di forze portentose.
Scenderemo quindi in direzione del Passo di Monte Croce Carnico giungendo al termine della nostra avventura.
Dislivello: in discesa 800m – in salita 100m

L’arrivo al Passo di Monte Croce Carnico è previsto per l’ora di pranzo. Sarà gradita la presenza dei
partecipanti per un ultimo ristoro tutti insieme prima dei saluti finali!

 

RITROVO

CON LE AUTO: ore 11.45 al Passo di Monte Croce Carnico (Indirizzo Google Maps: https://goo.gl/maps/H8fNzrL9FtQozVZ19).
Da qui un transfer con pulminocon autista ci porterà direttamente all’attacco del sentiero, a Cima Sappada.

RITROVO A UDINE: Per chi passa/parte da Udine e desidera accorpare le auto, ritrovo ore 10.15 al Parco commerciale Terminal Nord Area Food(Indirizzo Google Maps: https://goo.gl/maps/5DDpMAq9W251Y5Eu8). Partenza tassativa ore 10.30.
Specificare preferenza del punto di ritrovo al momento dell’iscrizione.

 

EQUIPAGGIAMENTO NECESSARIO

OBBLIGATORIscarponcini da trekking e equipaggiamento anti pioggia. CONSIGLIATI bastoncini da trekking.
PER LE NOTTI IN RIFUGIO: abbigliamento caldo per ricambio e comodo per dormire. Saccoletto(i rifugi sono forniti di coperte e cuscini, il sacco a pelo non è necessario). Piccolo asciugamanoe necessario per l’igiene personale. Torcia frontale.

 

ALLOGGI e RISTORO

Per il primo giornosi consiglia un pasto al sacco non pesante da consumare prima della partenza per il trekking.
Rifugio Calvi
(www.rifugiocalvi.com):trattamento mezza pensione: alloggio, cena e colazione + pranzo al sacco per il giorno dopo.
Rifugio Lambertenghi (www.rifugiolambertenghi.it): trattamento mezza pensione: alloggio, cena e colazione + pranzo al sacco per il giorno dopo.
Rifugio Marinelli (http://www.rifugiomarinelli.com): trattamento mezza pensione: alloggio, cena e colazione + pranzo al sacco per il giorno dopo.

Ti potrebbe interessare anche...  8. Unesco Cities Marathon - Da Cividale a Palmanova ad Aquileia

 

QUOTA DI PARTECIPAZIONE

La quota di partecipazione è di 413,00 € per i SOCI CAIe di 428,00€ per i NON soci CAI.
(NOTA: La differenza nella quota è data dal pernottamento in rifugi convenzionati CAI. Al momento
dell’iscrizione è necessario inviare copia della tessera di iscrizione CAI in corso di validità da almeno 6
mesi).
La quota di partecipazione comprende:
* 3 pernottamenti con trattamento mezza pensione + pranzo al sacco nei rifugi alpini
(N.B. per i soci CAI alcune quote pernotto hanno prezzo ridotto. Contattare la guida per tutte le
informazioni);
* accompagnamento con 2 Guide Ambientali Escursionistiche AIGAE per 4 giorni;
* trasporto con pulmino privato dal punto di ritrovo con le auto al punto di partenza del
sentiero;
* le spese di apertura pratica con il tour operator che ci segue con il suo supporto tecnico.

 

GUIDE PER IL TREKKING

Stefania Gentili (Guida Naturalistica FVG Ambientale Escursionistica AIGAE)
Marco Pascolino(Guida Naturalistica FVG Ambientale Escursionistica AIGAE)

 

PRENOTAZIONI

per prenotare il tuo trekking lungo e per tutte le info clicca qui

 

Info: Studio Naturalistico ForEst – ForEst su FB