- Giro FVG - https://www.girofvg.com -

Il Friuli Venezia Giulia è in zona arancione. Ecco cosa si può fare e cosa no

 

NUOVO DPCM DEL 14.01.21

Regole per la «zona arancione»

Ecco che cosa succederà finché queste regioni rimarranno in questa «fascia», oltre al «coprifuoco» alle 22 valido in tutta Italia:

— SPOSTAMENTI. E’ vietato ogni spostamento con mezzi di trasporto pubblici o privati, in un comune diverso da quello di residenza, domicilio o abitazione, salvo che per comprovate esigenze lavorative, di studio, per motivi di salute, per situazioni di necessità o per svolgere attività o usufruire di servizi non sospesi e non disponibili in tale comune. Lo spostamento verso una sola abitazione privata consentito, nell’ambito del territorio comunale, una volta al giorno, tra le 5 e le 22 e nei limiti di due persone oltre ai minori di anni 14 sui quali tali persone esercitino la potestà genitoriale e alle persone disabili o non autosufficienti conviventi. Sono consentiti gli spostamenti dai comuni con popolazione non superiore a 5.000 abitanti e per una distanza non superiore a 30 chilometri dai relativi confini, con esclusione degli spostamenti verso i capoluoghi di provincia.

— sarà vietato ogni spostamento, in entrata e in uscita dalla Regione, sia da un Comune all’altro della Regione (salvo che per comprovate esigenze di lavoro, salute e urgenza). Serve l’ autocertificazione LA TROVI QUI

— saranno consentiti gli spostamenti strettamente necessari ad assicurare lo svolgimento della didattica in presenza — cioè sarà possibile portare i figli a scuola, e andarli a riprendere — e sarà consentito il rientro nel proprio domicilio o nella propria residenza;

BAR E RISTORANTI.
Sospese tutte le attività di ristorazione, sempre consentito asporto (fino alle 22 per i ristoranti, fino alle 18 per i bar) e delivery.

MUSEI.
Chiusi, a eccezione delle biblioteche dove i relativi servizi sono offerti su prenotazione e degli archivi.

Ti potrebbe interessare anche...  Di nuovo in onda la Carnia con Alessandro Borghese per 4 ristoranti: in chiaro venerdì 15 gennaio 2021

Nel caso in cui occorresse recarsi per motivi indifferibili in una Regione «rossa» sarà necessario avere l’autocertificazione, la si può trovare qui.

NUOVO DPCM DEL 14.01.21

Le restrizioni per le zone con livello giallo

Nella zona gialla sono valide le misure stabilite dal governo per tutto il territorio nazionale, senza le ulteriori restrizioni, dunque, volute per differenziare queste regioni da quelle considerate più a rischio.

Tra le norme essenziali ci sono l’obbligo di indossare la mascherina quando si esce di casa e il divieto di uscire da casa tra le 22 e le 5 (si può uscire esclusivamente per motivi di lavoro, di salute o casi di necessità; e va presentata autocertificazione).

Didattica a distanza al 100% delle scuole secondarie di secondo grado (superiori), salvo i laboratori.
Restano aperti in presenza nidi, scuole dell’infanzia (materne), primarie (elementari), scuole secondarie di primo grado (medie) con obbligo di dispositivi di protezione delle vie respiratorie sopra i 6 anni;

Stabilita anche la chiusura dei centri commerciali nei giorni festivi e prefestivi, ma rimangono aperti al loro interno i negozi alimentari, le farmacie, parafarmacie ed edicole.

Bar, pasticcerie e ristoranti sono aperti dalle 5 fino alle 18.
Aperti dalle 5 fino alle 18 nelle aree gialle, dopo le 18 consentito delivery e asporto (quest’ultimo fino alle 22). Per i bar però l’asporto è consentito solo fino alle 18.

MUSEI.
Aperti dal lunedì al venerdì con esclusione dei giorni festivi a condizione che sia garantito il contingentamento degli ingressi per evitare gli assembramenti.

ChiusI teatri, mostre, biblioteche e sale bingo.

Restano consentiti gli spostamenti sia all’interno del proprio Comune sia fuori.

Ti potrebbe interessare anche...  Nasce Arte.Camera.it: portale per Scoprire il Patrimonio Artistico di Montecitorio

Permesso anche raggiungere un’altra regione purché anch’essa inserita in fascia gialla.

Per quanto riguarda lo sport, è consentito svolgere attività sportiva o attività motoria all’aperto, anche nelle aree attrezzate e parchi pubblici, ovviamente dove questi siano accessibili e comunque nel rispetto della distanza di sicurezza.

Restano aperti nella fascia gialla anche i circoli sportivi, ma è vietato l’uso degli spogliatoi.
Restano chiuse, invece, piscine e palestre.
Consentiti eventi, competizioni e sessioni di allenamento sportive individuali e di squadra di interesse nazionale, a porte chiuse.

Nelle zone all`’aperto (compresi parchi e aree gioco) resta comunque il divieto di assembramento e l’obbligo di rispettare la distanza di almeno un metro.

Smart working ai massimi livelli possibili, sia nel settore pubblico che nel settore privato.

DOMANDE / RISPOSTE PRESIDENZA DEL CONSIGLIO
➡  DOMANDE / RISPOSTE Dipartimento per lo Sport Presidenza del Consiglio dei Ministri.

 

 

Ripartiamo dal Futuro

 

NUOVO DPCM DEL 14.01.21