- Giro FVG - https://www.girofvg.com -

FVG ed Enit: Nuove strategie per la promozione della regione

FVG ed Enit valutano le nuove strategie per la promozione della regione
FVG ed Enit valutano le nuove strategie per la promozione della regione

 

La Regione Friuli Venezia Giulia intende programmare per la fine dell’estate, assieme all’Enit, l’Agenzia nazionale per il turismo, un incontro con i vertici delle realtà turistiche dei Paesi dell’area baltico-danubiana, nel quale coinvolgere i rappresentanti degli operatori, i media, gli opinion leader, e poter riprogrammare le strategie di promozione e comunicazione, tarandole rispetto alle potenzialità di un mercato che è stato fortemente condizionato dalla pandemia.

L’obiettivo è quello di far recuperare alle realtà del Friuli Venezia Giulia quei flussi turistici che nell’estate 2020 stanno mancando anche nelle località marine delle nostre coste.

È quanto emerso da un incontro in videoconferenza tra l’assessore regionale alle Attività produttive e i vertici nazionale e del Friuli Venezia Giulia dell’Enit.

Come evidenziato dalla Regione, i riflessi dell’emergenza pandemia stanno producendo nelle località balneari effetti ancor più pesanti di quanto era stato ipotizzato. Ne è un esempio quanto sta accadendo a Lignano Sabbiadoro dove, a oggi, le entrate derivanti dalla tassa di soggiorno hanno registrato un drastico calo. Un dato questo che rende l’idea di quanto le istituzioni si debbano adoperare per aiutare gli operatori del settore turistico a traghettare le loro attività oltre il guado della crisi in atto.

Perciò si è deciso di studiare nuove strategie che, se potranno produrre effetti più prossimi sulla stagione invernale, consentiranno comunque di tracciare le basi per il rilancio di quella estiva 2021. La Regione, all’inizio dell’anno, aveva già programmato interventi finalizzati a favorire sia il rinnovamento delle strutture ricettive, tanto al mare che in montagna, sia l’innovazione.

Ti potrebbe interessare anche...  Vacanze a tutti i costi: raddoppiano le richieste di prestito per le partenze

Dall’analisi compiuta durante l’incontro, la Regione ha evidenziato che vi sono delle realtà ricettive da adeguare alle attese di un turismo moderno, che richiede e persegue la qualità. Se, almeno in parte, al mare la ristorazione va un po’ meglio rispetto al settore alberghiero, i dati di maggior sofferenza sono quelli della ricettività.

Nel vertice è emersa dunque la necessità di studiare percorsi di promozione nuovi e mirati, per stimolare la ripresa del flusso turistico verso le località del Friuli Venezia Giulia, ma anche scoprire nuove nicchie di mercato per l’offerta turistica, che alla ripresa della normalità si potranno rivelare un valore aggiunto rispetto all’utenza tradizionale.

Si tratta di ipotesi condivise dall’Enit la quale, a sua volta, dovrà valutare nuove strategie di mercato e comunicazione, rendendosi pienamente disponibile ad affiancare la Regione lungo questo percorso.

 

 

Fonte: Regione FVG