- Giro FVG - https://www.girofvg.com -

CapaRezza – mercoledì 7 maggio – Trieste

La “Testa riccia – in molfettano CapaRezza” più lucida del panorama musicale italiano è da aprile in tour per presentare il nuovo album.

Le dimensioni del mio caos” e' il nome del "primo fonoromanzo nella storia della musica italiana".

Il nuovo album di CapaRezza, che trae ispirazione da un racconto presente nel suo primo libro "Saghe Mentali"

Protagonisti principali del disco:
CapaRezza, : un artista pugliese che non si fa le canne
Ilaria: Una hippie sessantottina che adora Jimi Hendrix
Luigi delle Bicocche: Un muratore precario che abbatterà il muro del tempo
Il bonobo: una scimmia depravata e giocherellona.

Trama:
A 40 anni dal '68 Caparezza sfascia una chitarra sull'amplificatore.
La botta è tale da creare un varco spazio-tempo da cui sbuca Ilaria, una giovane hippie che fino a quell'istante era al concerto di Jimi Hendrix al Brancaccio.
La scomparsa di Ilaria dal '68 crea degli scompensi storici che stravolgono il 2008: nel presente parallelo, per esempio, le tasche sono vietate, il primo partito del paese è un'accozzaglia di esibizionisti della rete e sul tavoliere troneggia una pista per gli shuttle.
CapaRezza si mette alla ricerca dell' amata Ilaria per convincerla a tornare nel suo tempo e ripristinare il corso degli eventi, ma finirà prima in carcere e poi a spalare sterco di elefanti malati.
Ci penserà Luigi delle Bicocche, un semplice muratore, a salvare il destino del mondo trasformandoci in scimmie bonobo, primati che sedano l'aggressività accoppiandosi selvaggiamente e senza criterio.

Il libro
Oltre al “fonoromanzo”, il libro "Saghe Mentali" raccoglie pagine e pagine di stramberie caparezziane: un finto diario segreto con foto e documenti mai pubblicati prima d'ora, grazie al cielo.
Una raccolta di favole assurde senza nemmeno l'ombra di un lieto fine.
Tutti i testi dei suoi album meticolosamente analizzati da critici partoriti dalla sua mente.
E ancora: tavole disegnate da un Gustave Dorè in preda agli acidi, fotografie imbarazzanti, illustrazioni per bambini troppo cresciuti ed una grafica al limite dell'arresto cardiaco o semplicemente dell'arresto.
Kojay Gutzemberg
(critico partorito dalla mente di Caparezza)

Ti potrebbe interessare anche...  Pordenone Art&Food - Un percorso nel gusto


Michele Salvemini, questo il vero nome di CapaRezza, nasce il 9 ottobre 1972 a Molfetta, in provincia di Bari.

Inizia la sua carriera come rapper col nome di Mikimix, componendo canzoni melodiche e minimali, ma con scarsa valenza artistica e con poco successo. Dopo alcune serate nei locali di Milano esordisce al Festival di Castrocaro. Partecipa a Sanremo Giovani 1995 con la canzone "Succede solo nei film" e al Festival di Sanremo 1997 nella categoria "Giovani" con la canzone "E la notte se ne va", pubblicando successivamente un album dal nome "La mia buona stella".

Ritornato a Molfetta, nel suo garage continua a comporre. Si fà crescere capelli e pizzetto e cambia il nome in CapaRezza (appunto Testa Riccia in dialetto molfettese, nome assegnatogli a causa della sua riccia e vaporosa acconciatura) e pubblica il primo album intitolato Caparezza ?! 2000).

Nel 2003 l'intervento degli USA in Iraq fornisce al cantante lo spunto per realizzare il singolo “Follie preferenziali”, che anticipa il nuovo lavoro “Le verità supposte” (2004). Fa parte di quest'album anche “Fuori dal tunnel” (del divertimento), il brano-tormentone che si sente ovunque: in radio, come suoneria dei cellulari, in tv.
Il singolo, nato come un inno contro la cultura del divertimento, diventa invece la colonna sonora ideale per divertirsi. L'improvvisa popolarità consente a CapaRezza di partecipare, nell’estate 2005, al prestigioso Heineken Jammin' Festival di Imola. Sempre nel 2005 esce il Dvd “In suppostas veritas”, un assaggio dei suoi live. Nel frattempo il cantante porta avanti il suo lavoro di talent scout e produttore delle band provenienti dalla sua terra. Con una di queste, la Sunny Cola Connection, CapaRezza ha collaborato in prima persona.
A marzo 2006 CapaRezza pubblica Habemus Capa, una sorta di concept album in cui il cantante narra la sua morte e resurrezione artistica.

Ti potrebbe interessare anche...  La notte dei Lettori, 7. edizione - Udine

L'11 aprile 2008 è uscito il quarto album di CapaRezza "Le dimensioni del mio caos", un "fonoromanzo" (secondo la definizione dell'artista) che si propone come una sorta di colonna sonora di uno dei racconti presenti nel libro Saghe mentali (uscito il 3 aprile 2008).

Info web: Caparezza

Biglietti: ingresso € 15.00 – in prevendita sconto € 1.50

CapaRezza – Eroe (storia di Luigi delle Bicocche)