- Giro FVG - https://www.girofvg.com -

Ars Botanica, Giardini di Carta. Dalla biblioteca di Miramare, si aprono scrigni su botanica, piante, fiori e giardini

Ars Botanica Giardini Carta

Le splendide finestre del Castello di Miramare si affacciano da un lato sul Golfo di Trieste, e dall’altro sul curatissimo parco. Ma dal 15 settembre 2022 all’11 giugno 2023 ci saranno altri panorami che potremo vedere nel bianco palazzo voluto da Massimiliano d’Asburgo.
Si apre infatti una finestra sulla biblioteca di Miramare e il suo scrigno di libri mai rivelati riguardanti la botanica, i fiori, le piante, i giardini.
Questi libri svelano gli interessi e le conoscenze di chi ha concepito il giardino del Castello nella sua più intima ispirazione.

Si tratta della mostra Ars Botanica, Giardini di Carta.

Ars Botanica

Dunque, la biblioteca del Castello di Miramare rivela per la prima volta il suo scrigno di libri dedicati a botanica, fiori, piante e giardini.

La ricca collezione libraria, consona allo spirito del XIX secolo, si riflette nel giardino vivente che circonda il castello.
Creazione al contempo naturale,
artificiale e artistica, il giardino dell’arciduca Ferdinando Massimiliano d’Asburgo e della sua consorte Carlotta del Belgio incarna un ideale di perfezione, bellezza e relazione con la natura.
La biblioteca botanica è un 
giardino su carta che guida a un percorso di sogno e meditazione ideato in un colto salotto aristocratico dell’Ottocento.

Ma può una biblioteca rivelare i sogni di due giovani principi?
Quasi del tutto inesplorata fino ad oggi, la Biblioteca di Miramare custodisce le eclettiche passioni e gli aneliti di conoscenza di Massimiliano e Carlotta.

Un sapiente lavoro di ricerca, condotto dalla Direzione del Museo di Miramare, per la prima volta indaga i preziosi volumi dedicati a botanica, fiori, piante e giardini e li mostra al pubblico in un elegante percorso espositivo che porta il Parco del Castello all’interno delle sue mura, un giardino di carta che, per una volta, diventa primo attore, contenuto e non solo contenitore di quel meraviglioso castello che lo ha reso uno dei luoghi della cultura più visitati in Italia.

Ti potrebbe interessare anche...  Barcolana 54: Vince Deep Blue di Wendy Schmidt

I libri di Miramare sono collezionati in una Biblioteca che fu d’uso e non di collezione, perfetto specchio tra quello che è il dentro e fuori del Castello di Miramare, una delle più belle e visitate dimore signorili ottocentesche.

La biblioteca di Massimiliano

Giovane, nobile, appassionato e curioso, Massimiliano d’Asburgo collezionò migliaia di preziosi volumi che compongono a tutt’oggi la Biblioteca del Castello di Miramare.

Una passione che condivise con la consorte, Carlotta del Belgio, e che costituisce il punto di partenza e di studio per la realizzazione del suo sogno, il giardino botanico che accoglie e rende unico il Castello di Miramare.

Delle migliaia di libri della Biblioteca, almeno un centinaio è infatti dedicato alla botanica ed è su questi bellissimi e preziosi volumi che la direzione del Museo di Miramare ha avviato uno studio confluito nell’esposizione che si apre oggi.

La mostra Ars botanica traccia una sottile trama tra la materia vivente di cui è costituito il Parco e le pagine di imponenti volumi ottocenteschi da cui fu tratta ispirazione, i Giardini di carta di Massimiliano e Carlotta d’Asburgo.

E quella di Carlotta

Una sezione importante della mostra è dedicata proprio alla moglie di Massimiliano, la misteriosa Carlotta del Belgio, della quale si conoscono molte storie e poche verità.
Una certezza è che ebbe un ruolo determinante nella scelta delle piante e delle essenze che furono piantate nel Parco.

Dalla sua biblioteca personale provengono bellissimi libri, che la principessa portò da Bruxelles a Miramare e che fanno parte di un filone di gran moda nell’Ottocento, la “botanica per signore”, seguendo la quale vennero stampati molti libri con un’attenzione particolare all’estetica.
Fra questi, i più preziosi in mostra a Miramare sono i volumi di Pierre-Joseph Redouté dedicati alle rose.

Ti potrebbe interessare anche...  Degu[stando] in FVG 2022, il buon bere del Friuli Venezia Giulia

Ma alcuni libri di botanica hanno anche un’impostazione scientifica e dedicata allo studio e all’approfondimento, come la serie dei Jardin di Plantes, destinata all’orto botanico di Parigi.

I libri in mostra sono anche esempi rari di quanto il giardinaggio e l’arte della botanica fossero in voga nell’Ottocento, secolo che vide una vera e propria esplosione di questa passione e, parallelamente, di tecniche diverse di stampa che riproducessero fedelmente fiori e piante con particolare attenzione ai colori.

Info e orari

MUSEO STORICO E IL PARCO DEL CASTELLO DI MIRAMARE

Viale Miramare, 34151 Trieste
tel. +39 040 224143
mu-mira@beniculturali.it

È possibile prenotare l’ingresso al Castello di Miramare
chiamando il numero: (+39) 041.2770470

Il Castello di Miramare è aperto tutti i giorni con
orario 9 – 19 (ultimo ingresso ore 18.30).

Il Parco di Miramare è aperto tutti i giorni con
orario 8 – 19 (ultimo ingresso ore 18.30).

Museo storico e il Parco del Castello di Miramare