- Giro FVG - https://www.girofvg.com -

Aquileia in carrozza. Rievocazione con carrozze d’epoca ed equipaggi con abbigliamento d’epoca

Alla manifestazione, una vera e propria rievocazione, parteciperanno equipaggi con carrozze d’epoca e repliche conformi alla tradizione e le persone a bordo delle carrozze indosseranno abiti storici eleganti del periodo che va da fine Ottocento a metà Novecento.
Le 17 carrozze e i rispettivi equipaggi partecipanti provengono da tutta Italia e anche dalla Germania.

Animare Aquileia e valorizzare il territorio

Aquileia in carrozza è una manifestazione che ha il doppio obiettivo di animare la storica città di Aquileia con il raduno di preziose carrozze storiche trainate da meravigliosi esemplari di cavalli e con curati equipaggi, nonchè di valorizzare il territorio dell’Agro Aquileiese con visite a cantine, agriturismi e ville storiche del territorio.

Ad ogni tappa, oltre alla visita del luogo prescelto, ci saranno degustazioni mirate a far conoscere le specialità enogastronomiche locali.

Per ammirare le carrozze

Gli equipaggi si raduneranno sabato e domenica mattina nei pressi della Basilica di Aquileia, dando vita ad un viaggio nella storia a cavallo tra la fine del 19° e l’inizio del 20° secolo.
Qui il pubblico potrà ammirare le carrozze, i finimenti e gli abiti storici indossati dagli ospiti delle carrozze.

Prima della partenza uno speaker descriverà ognuna delle carrozze, l’equipaggio, i finimenti e i cavalli.

Le partenze saranno scaglionate, una ogni 3 minuti e saranno scandite dall’orologio del sontuoso campanile di Aquileia.

Le carrozze, con a bordo anche alcune autorità locali, partiranno poi alla volta di un percorso alla scoperta del territorio dell’Agro Aquileiese, della sua storia e dell’enogastronomia.

Anche durante il percorso e durante le soste nelle cantine, nelle aziende agricole e nelle ville storiche di Aquileia e dintorni, il pubblico potrà fare un tuffo nel passato, ammirando le carrozze, i finimenti e gli abiti storici indossati dagli equipaggi.

Nel pomeriggio di sabato, intorno alle 16.30/17.00, al rientro le carrozze si raduneranno nuovamente per una sosta nei pressi della Basilica di Aquileia, mentre nel pomeriggio di domenica si cimenteranno in un emozionante carosello, per un saluto finale e la chiusura della manifestazione.

Sabato sera, inoltre, i partecipanti alla rievocazione in carrozza saranno ospiti di una cena di gala, durante la quale verranno consegnati i riconoscimenti a tutti gli equipaggi.

Il programma di Aquileia in carrozza

Sabato 5 settembre 2020

Dalle ore 9.00 alle ore 9.45
partenza e descrizione equipaggi dalla Basilica di Aquileia;

Dalle ore 9.20 alle ore 10.15
passaggio e sosta presso la cantina Ca’Tullio – Aquileia;

Dalle ore 10.00 alle ore 10.45
passaggio e sosta presso Azienda Burg Antonella – Terzo di Aquileia;

Dalle ore 10.30 alle ore 11.15
passaggio e sosta presso Villa Cassis – Terzo di Aquileia;

Ti potrebbe interessare anche...  Sappada: le attività Inverno 2020-2021

Dalle ore 12.20 alle ore 13.05
passaggio e sosta per per un pranzo dal gusto del picnic presso Villa Asiola – Fiumicello Villa Vicentina;

Dalle ore 16.20 alle ore 17.05
passaggio e sosta presso Agriturismo Tarlao – Aquileia;

Dalle ore 16.45 alle ore 17.30
arrivo presso la Basilica di Aquileia.

Domenica 6 settembre 2020

Dalle ore 9.00 alle ore 9.50
partenza e descrizione equipaggi dalla Basilica di Aquileia;

Dalle ore 9.20 alle ore 10.15
passaggio e sosta presso la cantina Puntin – Aquileia;

Dalle ore 10.00 alle ore 10.50
passaggio e sosta presso cantina Brojli – Aquileia;

Dalle ore 11.00 alle ore 11.50
passaggio e sosta per un pranzo presso Villa Ritter de Zahony – Aquileia;

Dalle ore 15.20 alle ore 16.10
passaggio e sosta presso Agriturismo al Rosari – Aquileia;

Dalle ore 16.00 alle ore 16.50
passaggio e sosta presso cantina Donda – Aquileia;

Dalle ore 16.10 alle ore 17.00
arrivo presso la Basilica di Aquileia.

Le tappe per scoprire e valorizzare il territorio

 

Cantina Ca’Tullio

Le origini della cantina Ca’Tullio risalgono alla fine dell’Ottocento, quando allora venne realizzata la struttura che nel 1928 avrebbe conosciuto un raggiante sviluppo come attività agricola ad opera della famiglia Tullio.
Fu all’epoca una delle realtà economiche più significative del territorio, tanto che non c’era aquileiese
che non avesse almeno un parente che vi lavorasse.

Un processo di ristrutturazione architettonica che ha visto il sapiente utilizzo di materiali tradizionali come legno e mattoni, uniti ad una struttura in acciaio brunito a vista. E’ il tramandarsi di una preziosa storia di un luogo che ha potuto trovare nuova vita diventando ad oggi uno dei rari esempi di archeologia industriale del Friuli Venezia Giulia. La cantina è stata inserita nel catalogo ufficiale del Turismo FVG fra i luoghi più belli che meritano di essere visitati.

 

Azienda Burg Antonella

Situata nel borgo di San Martino, a pochi passi dalla splendida chiesa dedicata al santo da cui il borgo prende il nome e ricca di splendidi affreschi, l’azienda di Antonella Burg si dedica alla coltivazione di cereali e ortaggi, tra i quali la pregiata Rosa di Gorizia, e li trasforma in squisiti prodotti acquistabili direttamente in loco.

Attenzione al prodotto, alla tradizione e al consumatore sono i punti di forza di chi, come Antonella, si dedica con quotidiana dedizione e sacrificio, al lavoro nel settore agricolo.

 

Villa Cassis Faraone

Villa Cassis a Terzo di Aquileia è una splendida antica villa immersa in un bellissimo parco, nata sulle ceneri di una dimora ancora più vecchia, distrutta da un incendio nel 1895.
La villa fa parte del grande patrimonio creato da Pompeo Cassis, nato a Trieste nel 1794, figlio del “Gran doganiere” Antonio Cassis Faraone (molte le sue testimonianze lasciate da questi a Trieste) che fece la sua fortuna in Egitto prima di rifugiarsi con le sue notevoli ricchezze nell’attuale capoluogo regionale. Tra i tanti investimenti vi fu l’acquisto di 2.000 ettari dei beni di enti religiosi della Bassa Friulana da Aquileia a Precenicco iniziandone la bonifica.
Cosa che proseguì a fare il figlio Pompeo iniziando altresì a effettuare scavi archeologici ad Aquileia.
Tra l’altro il Museo archeologico di Aquileia che venne inaugurato il 3 agosto del 1882 dall’arciduca Carlo Ludovico, è ospitato proprio a Villa Cassis Faraone.

Ti potrebbe interessare anche...  Advent Pur, il magico Sentiero dell’Avvento in Valbruna. E al calar della notte...

La villa ha già ospitato concerti nel suo parco ed è stata dimora della Contessa Margherita, grande sostenitrice di molte iniziative culturali e presidente dell’Associazione Nazionale per Aquileia.

 

Villa Asiola

Villa Asiola è una grande ed antica villa recentemente ristrutturata in modo sapiente.
Di essa conosciamo attestazioni risalenti al 1174 quando, sotto il Papa Alessandro III, la villa era posseduta da Gionata, preposto dei canonici dei Ss. Felice e Fortunato di Aquileia.

L’agriturismo Villa Asiola si trova tra Aquileia e Villa Vicentina e fu una residenza estiva di Elisa Baciocchi-Bonaparte, sorella di Napoleone. Alla sua morte i possedimenti a Villa Vicentina passarono in eredità ai suoi due figli, Federico Napoleone e Napoleone Elisa.

La recente ristrutturazione ne ha mantenuto il carattere rurale, esaltando la sua rusticità e contemporaneamente dotandola di ogni comfort: la zona colazione e ritrovo è ampia e confortevole ed è dotata del caratteristico «fogolâr», le 10 camere arredate in stile «country» sono tutte munite di TVColor-sat e comprendono WC e doccia privati.

 

Agriturismo Tarlao

La casa rurale dover sorge “Alla Frasca”  appartiene alla famiglia Tarlao dal 1960 ed è completamente ristrutturata.
Entrando in giardino si possono odorare i profumi del gelsomino e nella sala padronale si trova un vero “fogolar furlan”.

Le specialità sono le carni alla griglia esclusivamente su brace in modo tale che la carne possa assorbire il profumo del legno.

 

Cantina Puntin

Dario Puntin, il titolare dell’azienda, è cresciuto coltivando la vigna.
Il suo tempo è il tempo della natura, che respira dall’alba al tramonto passeggiando tra i vigneti.
Alle figlie insegna la “Vita del vitigno”, la fatica, la pazienza, il tempo della terra e il rispetto per i suoi frutti, tramandatomi dalla sua famiglia di contadini da tre generazioni.

Dario Puntin cura le sue vigne con dedizione e amorevolezza, per produrre uve sane unite ad una bassa produzione per singolo ceppo e giungere quindi ad un vino di qualità.

 

Cantina Brojli

Vini Brojli è una cantina che produce e vende bottiglie di vino e grappa pregiate, tra le migliori in tutta la zona di Aquileia, Grado e della provincia di Udine.
Tutti vini della cantina sono caratterizzati da un sapore fresco, giovane ma ben radicato, in grado di racchiudere i sapori e i gusti dei vini friulani, notoriamente tra i più apprezzati di tutta la penisola. Grazie a una produzione in continua crescita, la cantina di vini sta espandendo la vendita non solo su tutto il territorio nazionale, ma anche all’estero, dove i vini Brojli sono particolarmente richiesti. L’azienda vitivinicola propone bottiglie di vino dal gusto semplice e quotidiano, ma con toni profumati e agrumati.

 

Villa Ritter de Zahony

La splendida Villa Ritter de Zahony sorge nel sito dell’importante complesso monastico medievale di Santa Maria di Aquileia, del quale si hanno notizie a partire dal X secolo.
Il Monastero, da cui il borgo prese nome, aveva vasti possedimenti e assunse sempre più un posto di rilievo nella storia del territorio di Aquileia, influenzando le sorti religiose, economiche e sociali di tutte le aree circostanti.
Nel 1782 il complesso ecclesiastico venne venduto a privati: dapprima i conti Hoffer della Torre Valsassina, poi, dal 1787, alla famiglia Cassis Faraone (la stessa della Villa Cassis di Terzo!) che trasformò il Monastero Benedettino in villa- fattoria.

Ti potrebbe interessare anche...  Il miglior Museo italiano? Miramare a Trieste!

Nel 1850, la tenuta venne acquistata dalla famiglia di Giulio Ettore Ritter de Záhony, che nel tempo trasformò la tenuta di Monastero in una società agricola innovativa, dedita alla ricerca e sperimentazione di nuove tecniche di gestione della viticoltura e della produzione vivaistica di barbatelle (un milione e mezzo l’anno) esportate in tutto l’impero Austroungarico.

Oggi, onorando lo spirito e le tradizioni di famiglia che ricordano imprenditori innovativi e d’eccellenza sia nell’industria che nell’agricoltura, ma anche filantropi e socialmente attenti verso i propri lavoratori , Guido Federico Rossignoli, che gestisce direttamente la Tenuta di Monastero, si propone di valorizzare questi luoghi straordinari e ricchi di storia attraverso la cura dei vitigni e la qualità del vino.

 

Agriturismo Al Rosari

Cucina casalinga e gentilezza del personale sono le armi vincenti dell’agriturismo Al Rosari, dove le regine delle pietanze sono le specialità della casa, ovvero oca e anatra.

Si sente spesso parlare di cucina del territorio. Di recupero e salvaguardia dei sapori di un tempo.
Di buona cucina casalinga. Molti dichiarano di praticare questi principi.
Al Rosari, invece, c’è vera sostanza, ottimo cibo e cortesia.

 

Cantina Donda

Storia, tradizione, peculiarità climatiche e ricerca costante della qualità costituiscono la potenzialità dell’Azienda Donda Giovanni la cui sede è ubicata nel centro storico di Aquileia e la cui abitazione originaria ospita la cantina da poco sapientemente ristrutturata.

L’azienda vede la sua origine già nel 1924 quando Giovanni Battista Donda giunge da Scodovacca di Cervignano e con la sua famiglia si insedia ad Aquileia acquistando 13 ettari di terreno nella campagna circostante caratterizzata da alberature quali pioppi, gelsi, ontani, e soprattuttodalla vicinanza del microclima lagunare.
Nei decenni successivi il figlio Bruno ne continuerà sapientemente il lavoro dedicandosi con passione alla coltivazione della vite ed alla produzione di un ottimo vino.
Tre generazioni di viticoltori: Giovanni Battista, il figlio Bruno che con la nuova famiglia ne continua sapientemente il lavoro; ed in anni recenti il nipote Giovanni “Gianni” il nuovo proprietario.

 

 

Info: AFAC – Associazione Friulana Appassionati Carrozze
tel. 3483817241
[email protected]