- Giro FVG - https://www.girofvg.com -

9a I Mille Occhi

———————————

VAI ALL’EDIZIONE 2011

———————————

 

 

La nona edizione del festival internazionale del cinema e delle arti I Mille Occhi si terrà a Trieste da  sabato 18 a sabato 25 settembre 2010, avrà come titolo “Maschere e pugnali. Una sinfonia in nero” e andrà in scena presso la consueta sede del Teatro Miela.

Novità di quest’anno del festival ideato e realizzato dall’Associazione Anno Uno, gli incontri antemeridiani si terranno presso l’Auditorium dell’ex Pescheria.
Per il secondo anno consecutivo, inoltre, il festival avrà un’anteprima il 14 e il 15 settembre a Roma presso il Cinema Trevi della Cineteca Nazionale.

Liliana Cavani sarà l’ospite d’onore nella serata di apertura mentre a Thomas Harlan, in chiusura, andrà il Premio Anno Uno.

VEDI PROGRAMMA COMPLETO

A pochi giorni dalla scomparsa Piero Vivarelli, già ospite dei Mille occhi nell’edizione 2008, verrà omaggiato con la proiezione di Nella misura in cui…, presentato nella copia unica 35mm della Cineteca Griffith. Nato a Siena nel 1927, Vivarelli è stato sceneggiatore, autore di canzoni (tra cui alcune delle più memorabili di Celentano), regista e critico musicale. Ha sempre lavorato a metà fra il cinema e la musica inventando addirittura un genere quello dei cosiddetti “musicarelli”.

Tra i percorsi che si diramano nelle giornate del festival, la prima parte di “Germania anno zero. Viaggio nel cinema della Repubblica Federale Tedesca” è intitolata “Of Beauty and Sufference” ed è curata dal critico cinematografico Olaf Moller. Rossellini, Pabst e Čap sono soltanto alcuni degli autori i cui titoli verranno proposti all’interno di una costellazione fitta di contenuti e di rimandi.

Ti potrebbe interessare anche...  Stop ai trasporti: gli scioperi di aprile

Cinema ed economia: due finzioni allo specchio” è il titolo di un altro percorso che ragionerà in maniera originale ed inconsueta sulla crisi, attraverso lavori di Pasolini, Mattoli, Rossellini, fratelli Lumière, Cottafavi, Camerini, Matarazzo. La regista francese Cécile Decugis sarà a Trieste per presentare il suo Rénault-Seguin: la fin.

Di Giorgio Bianchi verranno proposti ben otto titoli, oltre a film firmati da altri registi del “grande demiurgo del cinema italiano” a complemento del ritratto del cineasta, con particolare riferimento alla rappresentazione della Prima Guerra Mondiale, Trieste e il nordest.

Claude Autant-Lara è il protagonista di un approfondimento intitolato significativamente “Lo stendhaliano che amò il cinema italiano, e di come l’Italia parlò il suo cinema francese”, si articola quest’anno fra Teatro Miela e Auditorium dell’ex Pescheria.

Ingressi, biglietti e info:
proiezioni mattutine ingresso libero,
biglietto giornaliero € 4,00,
abbonamento € 20,00 (con catalogo in omaggio)

I biglietti si posssono acquistare presso il Teatro Miela di Trieste

Associazione Anno Uno

Una delle novità della IX edizione de “I mille occhi”, in programma a Trieste dal 18 al 25 settembre, è l’approfondimento che il festival, in collaborazione con l’Assessorato alla cultura del Comune di Trieste, regalerà agli spettatori ogni mattina alle ore 11, dal 20 al 23 settembre, nella prestigiosa sede dell’Auditorium dell’ex Pescheria: incontri imperdibili con gli autori e i curatori di alcuni dei più interessanti lavori di storia e critica cinematografica.

La partenza di questa serie di appuntamenti intitolata “La gaia scienza” è in programma lunedì 20 settembre: dopo il saluto di Massimo Greco, Assessore alla cultura del Comune di Trieste che ospita gli incontri antimeridiani, Maurizio Cabona presenterà Il caso Autant-Lara (ASEFI Editore, Milano 2001). Al regista francese I mille occhi dedica un percorso cominciato l’anno scorso e che prosegue quest’anno attraverso quest’approfondimento e le proiezioni.

Ti potrebbe interessare anche...  Primavera alla volta della Laguna di Marano con le Escursioni in motonave - da Geremia

Martedì 21 settembre spazio a “Ford e Walsh filosofi del Novecento” incontro con Toni D’Angela, presentazione dei suoi volumi John Ford. Un pensiero per immagini (Edizioni Unicopli, Milano 2010) e Raoul Walsh o dell’avventura singolare (Bulzoni, Roma 2008), e della rivista on line La furia umana da lui diretta.

Il primo incontro di mercoledì 22 settembre è intitolato “Brunello Rondi e il bivio Rossellini/Fellini”: la presentazione è a cura di Stefania Parigi, curatrice con Alberto Pezzotta di Il lungo respiro di Brunello Rondi (Edizioni Sabinae, Cantalupo in Sabina – Rieti 2010), partecipa Sergio Grmek Germani, collaboratore del volume. A seguire, “I mille film della Dolce vita”, incontro con Domenico Monetti, curatore con Giuseppe Ricci del volume “La dolce vita” raccontato dagli Archivi Rizzoli (Centro Sperimentale di Cinematografia, Roma / Fondazione Federico Fellini, Rimini 2010).

Giovedì 23 settembre ultimo appuntamento, con la presentazione di Le varianti trasparenti: i film con Ingrid Bergman di Roberto Rossellini (seconda edizione ampliata, LED, Milano 2008) alla presenza dell’autrice Elena Dagrada, con presentazione del suo volume omonimo.

I mille occhi – festival internazionale del cinema e delle arti è ideato e realizzato dall’Associazione Anno Uno con Cineteca del Friuli – Archivio cinema del Friuli Venezia Giulia, FIAF, con il contributo di Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, Provincia di Trieste, Comune di Trieste e Fondazione CRTrieste. Collaborano Cineteca Nazionale e Goethe- Institut Triest. Il festival è diretto da Sergio Grmek Germani con a fianco un prestigioso comitato artistico internazionale.

Info web: I Mille Occhi