- Giro FVG - https://www.girofvg.com -

30 candeline per festeggiare la Protezione Civile di Aquileia. E un allegro video musicale

30 candeline per la Protezione Civile di Aquileia

30 candeline per festeggiare la Protezione Civile di Aquileia.
E un allegro video musicale

Lo scorso 29 maggio la suggestiva piazza Capitolo di Aquileia ha ospitato le celebrazioni per il 30. anniversario di fondazione del gruppo comunale di Protezione civile.

Il “compleanno” è stato celebrato con un evento simbolico nella centrale piazza di Aquileia per valorizzare l’attività dei volontari e trasmettere i valori ai più giovani.

Durante la cerimonia sono stati svelati un mosaico e una targa.
Il mosaico, realizzato dall’artista Enzo Puntin, è dedicato a tutti i volontari che in questi trent’anni hanno prestato e continuano a prestare il proprio servizio per la Protezione civile cittadina.
La stele riporta invece una emblematica frase, scelta proprio dai volontari del gruppo di Protezione Civile di Aquileia.
Sulla targa si legge una citazione di Sofocle:

“L’opera umana più bella
è di essere utile al prossimo”.

Nel corso della cerimonia sono stati proiettati video dedicati all’attività del Gruppo comunale, attualmente coordinato da Riccardo Lena.
E in questa occasione sono stati anche assegnati dei riconoscimenti speciali a tre volontari del gruppo aquileiese.
I premiati per l’opera prestata in questi anni sono Maria Isola, Giancarlo Moro e Sergio Battiston.

Lo speciale video della Protezione civile di Aquileia

Per celebrare un traguardo speciale come quello dei 30 anni, il gruppo di Protezione Civile di Aquileia si è affidato a un allegro video musicale.

Nel video, realizzato da Nicola Oleotto, la canzone “Happy” di Pharrell Williams, è il filo conduttore che immortale i volontari di Protezione civile nei luoghi storici, culturali e naturali più belli.
Qui, i componenti del gruppo si sono liberati in un gioioso ballo di felicità, come la canzone appunto.

Ti potrebbe interessare anche...  Aspettando... La notte dei Lettori 2021 Udine

Attraverso questi passi, i volontari hanno voluto dare un messaggio d’incoraggiamento verso il futuro lasciando alle spalle tutti i pensieri, i problemi e le situazioni che in prima persona hanno vissuto nei mesi appena trascorsi, sempre però con coscienza di quello che è successo.

Il video si può vedere anche a questo link

Un gruppo sempre più corposo e giovane

“Il nostro gruppo – ha spiegato il sindaco di Aquileia, Emanuele Zorino – negli scorsi mesi ha registrato una crescita esponenziale.
Dalle 12 persone iniziali, oggi i volontari coinvolti sono 60 e per la maggior parte giovani.
Il loro ausilio è fondamentale in diversi contesti, da quelli emergenziali a quelli solidali.
Durante la pandemia sono stati encomiabili, divenendo punto di riferimento per tutta la comunità”.

“In questi  30 anni la Protezione civile è sempre stata partecipe ai bisogni della collettività – ha sottolineato il sindaco -. Negli ultimi 2 anni, molte e molti giovani cittadini si sono uniti ai pilastri storici del gruppo comunale”.

Il vicegovernatore del Friuli Venezia Giulia con delega alla Protezione civile, Riccardo Riccardi, presente alla cerimonia, ha commentato:

“Trasmettere i valori e la storia della Protezione civile alle nuove generazioni è una delle responsabilità di coloro che hanno consentito il successo di questo sistema e che proseguono ad essere attivi affinché questa lunga storia possa continuare.
Aquileia festeggia oggi i 30 anni della nascita del gruppo comunale, ne omaggia i volontari e le volontarie e rappresenta un esempio importante di comunità: è stata capace di incrementare il numero dei volontari durante la pandemia e, soprattutto, di coinvolgere i giovani”.

 

CONTINUA A LEGGERE IN GIRO…

 

La protezione Civile: storia e dati in FVG

Riccardi ha poi ricordato la lezione dell’onorevole Zamberletti e l’intuizione di Guido Bertolaso.

“Il primo ha inventato questo sistema insegnandoci l’attività di prevenzione, il secondo ha esteso l’orizzonte di azione del sistema guardando oltre le conseguenze dell’evento atmosferico.
Non saremmo riusciti a gestire la pandemia se fosse mancata questa organizzazione capillare sul territorio per assistere le persone.
L’emergenza sanitaria ha evidenziato il nostro grande compito: essere pronti ad affrontare le situazioni che riguardano le persone e non solo l’effetto dei danni causati dagli eventi atmosferici”.

Nel corso dell’evento, a suffragare il valore del sistema di Protezione Civile sono stati i numeri presentati dal direttore generale della Protezione Civile Amedeo Aristei.

Ti potrebbe interessare anche...  Aquileia set del film sul Milite Ignoto “La scelta di Maria" con Sonia Bergamasco, Cesare Bocci, Alessio Vassallo

In Friuli Venezia Giulia sono 215 i gruppi comunali con 6.586 volontari, 68 associazioni di protezione civile con 2.710 volontari.

Le chiamate gestite da gennaio 2020 al 24 maggio 2021 sono state 308.578 e sono state 90.000 quelle dedicate al numero verde Covid dal 23 dicembre 2020 al 24 maggio di quest’anno.

Le allerte meteo gestite sono state 59 e i volontari impiegati da inizio pandemia sono 71.186 (giornate uomo).

E ancora, 1109 volontari impegnati nella seconda fase dell’emergenza nel trasporto pubblico locale e 4651 a supporto dei centri vaccinali.