- Giro FVG - https://www.girofvg.com -

1 italiano su 4 è un viaggiatore esperienziale

Il 25% dei turisti italiani sono viaggiatori esperienziali

Identificato un nuovo tipo di turista, che rappresenta il 25% dei viaggiatori italiani: sono i viaggiatori esperienziali.

Dopo due anni di pandemia e di chiusure, gli italiani sono tornati a viaggiare, ma con un atteggiamento nuovo, volto all’avventura e alla riscoperta.

TGV Inoui ha indagato su questo cambiamento facendo emergere l’identikit di un nuovo tipo di viaggiatore: il viaggiatore esperienziale.

Le caratteristiche del viaggiatore esperienziale

Il viaggiatore esperienziale predilige la vacanza volta alla riscoperta, nella quale procedere con calma per godersi ogni particolare, interessandosi prima di tutto alla conoscenza della cultura locale e alla possibilità di fare nuove esperienze.

Questo tipo di viaggiatore prende in grande considerazione il “green” travel“, il viaggio attento all’impatto ambientale, e considera il viaggio in sé come parte integrante della vacanza.

La ricerca mostra che la maggior parte dei viaggiatori esperienziali sono donne (55%) e con un grado di istruzione elevata.
Il 39% dei viaggiatori esperienziali ha infatti una laurea o un corso post-laurea.

Emergono anche alcune caratteristiche particolari.
Il viaggiatore esperienziale associa il viaggio all’arricchimento culturale (45%) e alla scoperta (40%), e una volta giunto a destinazione si dedica ad attività culturali e storico-archeologiche di approfondimento del luogo (55%).

Quando organizza un viaggio nelle grandi città, il viaggiatore esperienziale sceglie, inoltre, di vivere come le persone del luogo, facendo le stesse cose che fanno i locali per godersi maggiormente la vita del posto, come afferma il 70% degli intervistati.

Anche l’interesse ambientale o di immersione nella natura circostante è molto importante, seguito dall’interesse per l’esperienza sociale o di conoscenza di nuove persone.

Ti potrebbe interessare anche...  Advent Pur, il magico Sentiero dell’Avvento in Valbruna torna ad illuminare l'Avvento 2022

Il 15% dei viaggiatori esperienziali, infine, sceglie un’esperienza più equa e solidale, rispettosa sia dell’ambiente che delle popolazioni locali.

Le caratteristiche della “vacanza” del turista esperienziale

Dalla ricerca emerge che il 90% dei viaggiatori esperienziali vede il viaggio in sé, a partire anche dal tragitto, come parte integrante della vacanza stessa.

Per quasi 1 viaggiatore esperienziale su 2 la vacanza è inoltre un momento da condividere con i propri compagni di viaggio, soprattutto per la GenZ [nati approssimativamente tra la fine degli anni ’90 e i primi anni ’10 del XXI secolo].
Mentre il 62% degli uomini e il 67% delle donne, è convinto che la vacanza sia un momento da dedicare a sé stessi.

La scelta del treno ad alta velocità

La predilezione per un tipo di viaggio sempre più green e attento all’ambiente, dove ci si può godere l’itinerario e il panorama e si possono fare nuove conoscenze, rendono il viaggiatore esperienziale il cliente perfetto per i treni ad alta velocità.

Dalla ricerca emerge che il 30% ha indicato il treno ad alta velocità come modalità preferita per raggiungere la propria meta.
Con una percentuale che tra i giovanissimi si alza al 37% nella GenZ e al 41% tra gli studenti.

I motivi principali per cui il viaggiatore esperienziale predilige il treno ad alta velocità riguardano la comodità e il comfort (51%), la possibilità di poter usare smartphone, tablet, leggere un libro (48%) o godersi il panorama (42%).
Il 40% dei viaggiatori esperienziali lo sceglie inoltre perché ecologico o per l’esperienza di viaggio, mentre il 28% lo lega alla socializzazione con amici e nuove persone.

Il 34% tra gli intervistati ha dichiarato di scegliere il treno per raggiungere mete europee.
Parigi è stata selezionata dalla maggioranza degli intervistati come una delle top tre mete preferite e amate in Europa.

Ti potrebbe interessare anche...  Tornano gli scioperi dei trasporti a dicembre 2022

Dalla ricerca è infine emerso che i viaggiatori esperienziali collegano il treno ad alta velocità ad un mezzo di trasporto ecologico (68%), a cui segue la possibilità di godersi il panorama (63%) e la possibilità di conoscere nuove persone e chiacchierare con gli amici (57%).

La riduzione dei tempi di viaggio viene associata al treno ad alta velocità dal 92% dei Baby Boomer [generazione nata tra il 1946 e il 1964] e dai pensionati (96%), mentre gli studenti lo associano principalmente alla sicurezza (89%).

Fonte: WITM