- Giro FVG - https://www.girofvg.com -

Le dodici battaglie dell’Isonzo in mostra – Spilimbergo (PN)

4 febbraio 2017a26 febbraio 2017

In mostra a Palazzo Tadea di Spilimbergo le DODICI BATTAGLIE DELL’ISONZO

Ancora una volta il Palazzo Tadea di Spilimbergo ospiterà una mostra dedicata alla commemorazione del Centenario della Grande Guerra, e lo farà con una importante esposizione di uno degli eventi che hanno caratterizzato tale periodo: “ISONZO LE DODICI BATTAGLIE”. 

La mostra “ISONZO LE DODIC BATTAGLIE” ha già riscosso una grandissima attenzione da parte delle scuole e dei visitatori che hanno potuto conoscere la cronologia delle battaglie nelle varie tappe in giro per l’Italia e l’Europa.

La mostra è composta da ottanta pannelli espositivi che ripercorrono le battaglie che avvennero sul fronte dell’Isonzo e descrivono il territorio teatro degli eventi che si susseguirono dal 1915 al 1917.
Tale cronologia è stata realizzata avvalendosi del contributo di Stefano Gambarotto, presidente dell’Istituto del Risorgimento di Treviso ed è corredata da immagini d’epoca (grazie anche alla collaborazione del Museo Civico per il Risorgimento di Bologna) riconducibili agli eventi descritti, messi a disposizione dagli Istituti e da numerosi cultori della materia.

In occasione del centenario della Grande Guerra la mostra ripercorre, con fotografie e testi, gli eventi legati alle offensive che tra il 1915 e il 1917 l’Italia sferrò lungo il fronte segnato dal fiume Isonzo nel tentativo di piegare le difese austro-ungariche, sino alla dodicesima battaglia, meglio conosciuta come la tragedia di Caporetto.

All’interno delle sale espositive vi troverà spazio un diorama dalle foci dell’Isonzo a Gorizia in scala 1:80000 riproducente le varie linee difensive del fronte dell’Isonzo, realizzato con passione dai soci dell’Ermada, Aureliano Barnaba e Pasquale Durante.
E un modellino del ponte passerella militare da Bonzicco a Gradisca.

La sezione dedicata ai canti della Grande Guerra  composta da 11 pannelli, ripercorre attraverso la ricerca storica di Edda Vidiz (Sul volume I CANTI DELLA MALAGUERRA edito da Luglio Editore) e  la ricerca di Cristina Ianniello, etnologa, e Paolo Plini, ricercatore CNR,  il ruolo dei canti della Grande Guerra come strumento per rileggere gli eventi e analizzare le differenze nel modo di rappresentare la realtà dei quattro anni di guerra, dalla iniziale esaltazione alle dure condizioni di vita dei soldati fino alla celebrazione della vittoria.

Un importante spazio dedicato poi agli Artisti di Guerra in Tempo di Pace, con l’esposizione di Michele Angelicchio, l’artista soldato con le sue opere pittoriche, contribuirà alla conservazione della memoria storica dei grandi eventi bellici sui quali si è costruita la nostra storia sociale e collettiva. Reduce da sempre maggiori consensi proprio per la divulgazione e la conservazione degli eventi storici che hanno visto partecipi e coinvolti i nostri nonni e le generazioni che ci hanno preceduto, ora Michele Angelicchio con la sua arte, che ha una doppia funzione, sia pittorica- estetica e sia storica- narrativa approda a Spilmbergo.

La mostra, ad ingresso libero, sarà visitabile dal 4 al 26 febbraio 2017, il venerdì dalle 15.00 alle 18.00 il sabato e la domenica dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 18.00.

L’inaugurazione della mostra sabato 4 febbraio alle ore 10.30 vedrà l’apertura con una Conferenza dal titolo “ARCHEOLOGIA MODERNA i fantasmi del Tagliamento: Il ponte passarella da Bonzicco a Gradisca, dalla Grande Guerra ai giorni nostri”. Interverranno Emanuele Moro, Coordinatore del Sistema del Sistema informativo territoriale forestale regionale, Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, Paolo Strazzolini, Università degli Studi di Udine, Mauro Biasutto, appassionato di Storia e Cultura locali.  Alle ore 15.00 visita guidata della Mostra con Massimo Romita e Mauro Depetroni del Gruppo Ermada Flavio Vidonis.

 

L’esposizione di Spilimbergo fa seguito alla mostra FOLLIE SCAPPARE DALLA GUERRA RINCORRERE LA GUERRA” che verrà esposta dal 21 di gennaio al 5 di febbraio al Palazzo Gregoris a Pordenone.

 

La mostra “ISONZO LE DODIC BATTAGLIE”, promossa dal Comune di Spilimbergo rientra nel Progetto “VOCI DI GUERRA IN TEMPO DI PACE, TRA FRONTE E FOLLIA, DALL’ISONZO AL TAGLIAMENTO” coordinato dal Gruppo Ermada “Flavio Vidonis” di Duino Aurisina, e sostenuto dalla Regione Autonoma FVG sui Bandi della Grande Guerra 2016/2017, gode del patrocinio del Governo Italiano struttura di Missione per il Centenario, della Regione Veneto e della Regione Emilia Romagna. Vede la collaborazione dell’Istituto per il Risorgimento di Treviso, del Museo Civico del Risorgimento di Bologna, dell’Associazione Emilia Romagna al Fronte, dell’Associazione Erasmo da Rotterdam, del Gruppo Speleologico Flondar, del Gruppo Speleologico di San Martino del Carso, dell’Associazione Ungherese Meritum, dell’Asd Nordic Walking di Duino, l’Ajser 2000, il Lions Club, l’Associazione Carristi e l’ANA Sezione di Gorizia. Il Comune di Spilimbergo attraverso il Sindaco Renzo Francesconi e l’Assessore alla Cultura Luchino Laurora, ha voluto fortemente per il terzo anno consecutivo proseguire nel partenariato sempre più crescente di tale progetto, che quest’anno toccherà cinque nazioni Europee e sette Città Italiane.

Dal settembre del 2015 la mostra ha toccato diverse città: Duino (Castello), Bologna (Museo del Risorgimento), Grado (Casa della Musica), Farra d’Isonzo (Municipio), Szombathely (Università), Mantova Capitale Italiana della Cultura (Palazzo Maria delle Vittorie) e recentemente a San Pietro al Natisone e Palazzo Belgrado Antonini sede della Provincia di Udine per un totale di 54.000 visitatori. A marzo toccherà la Città di Padova e precisamente il Museo della Terza Armata.

Fondamentale la riproposizione dei pannelli dedicati all’Hangar di Istrago al quale è collegato anche la nuova pubblicazione del Sig. Renato Mizzaro.

 

Info: Comune di Spilimbergo, ufficio cultura – tel. 0427591172  – 3886449114  – www.frontefollia.blogspot.it